Archivio per mese

Le ribelli di Port-Royal

Comune di Budrio

.

Le ribelli di Port-Royal

Angela Peduto, Raffaele Riccio

Interviene Simona Cantelmi

.

Biblioteca Comunale di Budrio Via Garibaldi 39 Budrio
Giovedì 20 giugno ore 21.00 ingresso libero

Voce recitante Giovanni Chessa

Letture tratte da Pascal Quignard, Sull’idea di una comunità di solitari

L’eccezionale storia della ribellione femminile di Port-Royal sarà raccontata giovedì 20 giugno alle ore 21 presso la Biblioteca Comunale di Budrio. L’evento nasce dalla collaborazione tra officinaMentis e il Comune di Budrio.

“Pure come angeli, orgogliose come Lucifero, ribelli come demoni”: così furono bollate le monache che, nel monastero cistercense di Port-Royal, rifiutarono di piegarsi all’immenso potere dei gesuiti e della Chiesa. La loro rivolta è forse la più radicale affermazione di consapevolezza femminile di tutto il Seicento. Il prezzo che pagarono fu altissimo. La persecuzione, fino alla completa distruzione dell’abbazia, coinvolse le monache e i “solitari”, uomini che a Port-Royal avevano cercato lo studio e il silenzio, lontano dai clamori della vita mondana. E tuttavia le tracce che Port-Royal ha lasciato nella cultura europea sono incancellabili e profonde. Oggi lo smarrimento dei nostri tempi chiede simboli di resistenza. La vicenda di Port-Royal ci pare in tal senso esemplare: resistenza di donne che, in nome della propria autonomia di giudizio, osarono contestare i grandi poteri dell’epoca e ribellarsi all’obbedienza cieca e irriflessiva cui erano state destinate; resistenza di uomini che non ebbero paura di scegliere la via della propria indipendenza spirituale e della propria responsabilità personale.

Nella prima parte dell’incontro racconteremo questa storia eccezionale; nella seconda parte leggeremo alcune meravigliose pagine che il grande scrittore Pascal Quignard ha dedicato a Port-Royal.

Scarica qui la Locandina

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.