Archivio per mese

ATTIVITA’ DI OFFICINAMENTIS CAMPAGNA DI SOSTEGNO 2019

ATTIVITÀ DI OFFICINAMENTIS E CAMPAGNA DI SOSTEGNO 2019

 

officinaMentis nasce nel 2010 su iniziativa di un piccolissimo gruppo di psicoanaliste. Manifesta ben presto una doppia vocazione, psicoanalitica e culturale in senso lato, cosicché, insieme all’attività di formazione nel campo teorico e clinico della psicoanalisi, si spinge in ambiti non strettamente disciplinari con iniziative culturali rivolte a un pubblico non specialistico. Da allora questi due rami dell’associazione si sono sviluppati insieme, innestandosi talora l’uno sull’altro.

 

Nel campo della psicoanalisi, indirizzandoci a psichiatri, psicoterapeuti, giovani in formazione e professionisti più esperti alla ricerca di confronto e condivisione, abbiamo realizzato seminari e percorsi formativi e due convegni. Da uno di essi è nato un libro sul sogno (Il sogno, crocevia di mondi, Alpes, 2015).

L’Associazione porta avanti da anni un importante lavoro di supervisione clinica (http://www.officinamentis.it/officinamentis/wp-content/uploads/2018/12/00-presentazione-gruppi-di-supervisione-2019.pdf ) che si ispira al pensiero e alla pratica di Conrad Stein, psicoanalista francese che appartiene alla grande generazione di intellettuali e clinici degli anni Settanta.

Più recentemente, è stato attivato un gruppo di lavoro psicoanalitico sul cinema (http://www.officinamentis.it/officinamentis/2018/12/18/cinema-e-psicoanalisi-2019-gruppo-di-studio/ ). Nel gruppo di lettura, a cadenza mensile, vengono invece letti e discussi testi psicoanalitici (http://www.officinamentis.it/officinamentis/2019/01/03/gruppo-di-lettura-2019/). Questi tre gruppi proseguiranno nel 2019.

L’altra parte della nostra attività, quella culturale, si svolge prevalentemente presso la libreria Einaudi di Bologna e il Centro CostArena.

All’Einaudi ci occupiamo di letteratura, filosofia, arte, storia delle idee. Un percorso di riflessione sulla poesia, avviato nel 2017, proseguirà nel 2019: Chandra Livia Candiani (con la presenza della stessa poetessa), Paul Celan, René Char, Nikos Kazantzakis, questi gli appuntamenti realizzati fino ad oggi. Pensiamo che coltivare la grande poesia sia un potente antidoto al “quotidiano sonno” (Chandra Candiani) cui nessuno di noi sfugge. La poesia è una forma di resistenza – alla sclerosi del linguaggio, al suo fossilizzarsi nell’univocità del significare: per questo è assolutamente necessaria.

Il Seminario Permanente sull’(In)attualità del pensiero critico, che si tiene al CostArena e dove si incontrano per discutere insieme appassionati e studiosi di diverse discipline, esprime pienamente lo spirito etico e politico dell’Associazione. Per più di tre anni abbiamo lavorato su Michel Foucault e dalla primavera del 2018 ci dedichiamo all’opera di Ernesto De Martino, convocando giovani e meno giovani, in quell’intreccio di saperi e di generazioni al cui valore profondamente crediamo. Il lavoro su De Martino proseguirà per tutto il 2019.

Dal 2017 abbiamo avviato un’iniziativa legata al teatro greco, perché riteniamo che il sapere classico sia essenziale per comprendere il presente. L’edizione 2017 di Riaccendiamo il classico è stata dedicata alle Supplici di Eschilo;  quella del 2018 a Fedra, da Euripide ai giorni nostri. In entrambe le occasioni l’approfondimento scientifico si è arricchito e ha trovato un senso più profondo grazie alla visione delle rappresentazioni date al teatro greco di Siracusa.

Il nostro lavoro culturale è cresciuto in questi anni grazie agli incontri che abbiamo fatto e grazie alla sorprendente partecipazione di moltissimi giovani. A loro abbiamo chiesto di prendere la parola e partecipare attivamente. Fa parte della nostra politica culturale incoraggiare la presenza attiva dei più giovani: il loro entusiasmo, le loro idee, la freschezza intellettuale, la fame di cultura sono un potente carburante. Più che mai oggi il lavoro intellettuale ha una funzione politica e fare cultura è un atto politico. Fare cultura significa per noi creare una communitas dove possano intrecciarsi generazioni e discipline diverse, lasciandosi ciascuna generazione e ciascuna disciplina interrogare, inquietare, fecondare, dall’altra.

 

Una parte delle iniziative in ambito psicoanalitico, e tutta l’attività culturale che si svolge all’Einaudi e al CostArena è gratuita. L’associazione è senza scopo di lucro, non riceve finanziamenti da nessuna istituzione o ente, vive del contributo dei soci e del loro lavoro volontario. L’offerta culturale ha però dei costi e lo sforzo finanziario che affrontiamo per portarla avanti è sempre più impegnativo.

 

Rivolgiamo un appello a tutte le persone che apprezzano la nostra attività e ritengono importante che continui la nostra presenza nella vita culturale della città.
Il vostro contributo può permettere all’Associazione di continuare a vivere, a lavorare, a creare occasioni di scambio, di confronto e di partecipazione.

Il modo migliore per sostenere l’Associazione è diventare soci; il costo annuale della tessera associativa è fissato per il 2019 a 30 Euro (15 Euro per gli studenti).

Il versamento può essere effettuato a mezzo bonifico intestato all’associazione OFFICINAMENTIS Banco san Geminiano e san Prospero, Bologna  IBAN: IT18F0503402401000000060146 comunicandolo poi all’associazione, all’indirizzo officinamentis.info@gmail.com.

 

Vi invitiamo anche a visitare periodicamente il nostro sito per tenervi aggiornati (http://www.officinamentis.it/), o ad iscrivervi alla nostra mailing list.

Saremo grati a tutti coloro che vorranno sostenerci.

La Presidente

Angela Peduto

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.