Parole chiave

Aby Warburg Adelaide Gigli Antonino Ferro Antonio Gramsci Arte dell'ascolto Attività Attività 2013 Attività 2014 Attività 2015 Attività 2016 Attività 2017 Attività 2018 Attività 2019 Attività 2020 Billie Holiday Buto Carl Gustav Jung Carlotta Ikeda cinema Clara Wieck Schumann Claudio Abbado Convegni diagnosi in psichiatria Discussione sul lavoro clinico Documentazione DSM5 Eduardo Viveiros De Castro Ernesto De Martino Eschilo Fedor Dostoevskij filosofia Formazione alla psicoterapia François Jullien Gilles Deleuze Hannah Arendt Herman Melville identità Il sogno crocevia di mondi Incontri culturali Incontri culturali 2013 incontri culturali 2014 Incontri culturali 2015 incontri culturali 2016 Incontri culturali 2017 Incontri culturali 2018 incontri culturali 2019 Incontri culturali 2020 Jacques Lacan Joseph Conrad Laura Betti Letteratura e psicoanalisi Lettura di testi psicoanalitici Lucrezia Borgia Lucrezio Ludwig Binswanger Margherita Luisa D'Orléans Marin Marais Mario Perniola Mauro Mancia Medea Michel Foucault musica e psicoanalisi narcisismo Nascita della clinica Nikos Kazantzakis Pascal Quignard Paul Celan perversioni Pier Paolo Pasolini poesia Polifonia del femminile Port-Royal psicopatologia Remo Bodei René Char Roberto Beneduce Sabina Spielrein Sainte Colombe Sigmund Freud Simone Weil Socrate sogno Spazio Aperto Supervisione teoria della tecnica terrorismo Testi in linea Thomas H. Odgen transfert trasvestitismo trauma V.E. von Gebsattel W. Blankenburg Walter Benjamin Wilfred Bion

Archivio per mese

(IN)ATTUALITÀ del PENSIERO CRITICO: Le tecnologie del sé

(IN)ATTUALITÀ del PENSIERO CRITICOCostArena

LE TECNOLOGIE DEL SE’

 

Daniela Iotti

Lunedì 20 novembre, ore 21
Centro Giorgio Costa, Via Azzo Gardino 48,  Bologna

 

A partire dal 1980 le ricerche di Michel Foucault si orientano in una nuova direzione.
Non si occuperà più dell’“Età classica” e di una lettura “politica” dei sistemi di potere, ma dell’antica Grecia e di quella nozione, centrale nel pensiero antico da Socrate fino alla Roma imperiale, che è “la cura di sé” (epimeleia heautou).
Tale termine designa l’insieme delle trasformazioni di sé cui si giunge attraverso specifiche tecnologie (esercizi spirituali e corporali, tecniche di scrittura e lettura, modalità di direzione dell’esistenza).
La “cura di sé” implica una intensificazione del rapporto con se stessi e l’emergere di una nuova figura di soggetto: non più solo prodotto passivo delle tecniche di dominazione, ma dotato di una relativa autonomia.
Non dobbiamo vedere in questo passaggio una rottura concettuale con il pensiero degli anni ’60 – ’80; si tratta piuttosto di una lenta maturazione che darà luogo a una filosofia, scrive Foucault, “non più interessata a determinare le condizioni e i limiti di una conoscenza dell’oggetto, bensì interessata a riconoscere le condizioni di trasformazione del soggetto”.
È in questa dimensione etica di rapporto con se stessi che Foucault trova una possibilità di resistenza del soggetto nella storia.

 

Daniela Iotti è laureata in Filosofia, è psicologa e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, vicepresidente di officinaMentis. Da oltre trent’anni anni svolge attività clinica e di ricerca con particolare attenzione alla funzione sociale delle discipline psicologiche e a un ripensamento della teoria e della tecnica psicoanalitica in contesti transculturali.

Scarica qui la locandina

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.