Archivio per mese

La supervisione: una pratica fondamentale nella formazione alla psicoterapia psicoanalitica. Gruppo di supervisione

La supervisione: una pratica fondamentale nella formazione alla psicoterapia psicoanalitica

Gruppo di supervisione

La formazione psicoanalitica si fonda su un paradosso: la materia e le modalità di trasmissione hanno radici nell’inconscio e formare all’inconscio è un compito difficile, forse impossibile. Ci si rende conto di quanto lo scambio che avviene nella stanza d’analisi, così unico e così particolare, sfugga alla logica di una trasmissione tradizionale.
Jean Luc Donnet ci rammenta che “la risposta più convincente ad una interpretazione risiede solo nel prodursi nel paziente di nuove associazioni”. Cioè la giusta interpretazione è quella che mantiene in moto la macchina analizzante.
Allora come si riesce a divenire, essere e soprattutto restare analisti? La psicoanalisi non si insegna come un sapere qualunque; non si trasmette come un semplice insieme di enunciati, il suo oggetto di studio essendo qualcosa di enigmatico e sfuggente.
L’associazione officinaMentis con il gruppo di supervisione desidera dare un contributo importante alla trasmissione della psicoanalisi. Un terapeuta che parla di un trattamento in una seduta di supervisione individuale o di gruppo è obbligato a passare attraverso costruzioni di senso e le sue interpretazioni hanno lo statuto di citazioni, visto che egli le enuncia per una seconda volta e a qualcun altro.

Non possiamo però rendere sterile un materiale che è intriso di moti inconsci, e la regola fondamentale delle libere associazioni è dunque qui obbligatoria, perché solo con essa si può rendere visibile l’invisibile.
Un tale gruppo di lavoro produce uno “spazio psichico” in cui si trovano all’appello i partecipanti e i loro analisti, il supervisore e il proprio analista; si forma un gruppo atto a prendere in carico ciò che chiamiamo “resto”, ciò che è irriducibile alla conoscenza. Questo metodo accorda un privilegio all’analisi delle zone di sordità, alle variazioni tendenziose, e giunge a scovare e situare i transfert inconsci circolanti. I punti più problematici o più discutibili di una tecnica o di uno stile si palesano, i concetti teorici sottesi ma non esplicitati emergono.
In un clima di fiducia e di cooperazione, i terapeuti arricchiscono la loro esperienza ascoltando casi diversi, condotti in modo diverso. Ricongiungono le grandi linee di forza del funzionamento psichico e i principali assi teorici. Si immergono nel campo di quella che Laplanche chiama “teoretica” per differenziarla dall’apprendimento della pura pratica.
E ancora: una buona distanza tra supervisore e supervisionato alleggerisce l’intensità dell’investimento transferenziale, mentre la presenza contemporanea di un rappresentante genitoriale e di una fratria favorisce la ripartizione libidica e le identificazioni speculari, smorzando così l’investimento oggettuale sul supervisore.
Conrad Stein (http://www.officinamentis.it/officinamentis/2012/01/15/conrad-stein-in-quale-luogo-con-quale-cornice-a-quale-scopo-parlare-dei-propri-pazienti/) ha formulato una teoria della trasmissione che chiama del ”doppio incontro”. Essa si riferisce ad ogni incontro in cui il prodotto dell’associazione libera di un soggetto venga riconosciuto da un altro come frammento di un lavoro immaginario, suscitando in lui una ulteriore elaborazione associativa: siamo di fronte a un modello di incontro doppiamente auto-fecondante. Colui che “racconta il caso” fa “passare“ agli altri qualcosa della sua esperienza intima, dando così un esempio di teorizzazione soggettiva.
Il nostro gruppo di supervisione prevede un numero ristretto di partecipanti. Attraverso lo strumento delle libere associazioni e l’ascolto attento del controtransfert, si costruisce un vero “spazio analitico”. In esso prende corpo un pensare che lega la coscienza all’inconscio, le logiche primarie a quelle secondarie, sostenuto dalla regola dell’astinenza che qui più facilmente sarà appresa, vissuta, rinforzata.
Grazie a questo dispositivo, affacciati sulle profondità dell’inconscio, le associazioni di ogni partecipante producono la costruzione analitica, sia della relazione paziente –analista, sia del caso clinico .

Il gruppo sarà condotto dalla dssa Mariangela Pierantozzi. Sarà composto da un massimo di 8 partecipanti. Gli incontri saranno quattro e si svolgeranno il sabato mattina in date da stabilire.
Il costo sarà di 160 euro più l‘iscrizione all’associazione (40 Euro).
E’ necessario inviare una mail all’associazione (officinamentis.info@gmail.com), all’attenzione della dssa Mariangela Pierantozzi. L’iscrizione si riterrà confermata solo dopo il pagamento della relativa quota. Verrà rilasciato attestato di partecipazione.

Scarica qui la locandina

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.