Parole chiave

Aby Warburg Adelaide Gigli Antonino Ferro Antonio Gramsci Arte dell'ascolto Attività Attività 2013 Attività 2014 Attività 2015 Attività 2016 Attività 2017 Attività 2018 Attività 2019 Attività 2020 Billie Holiday Buto Carl Gustav Jung Carlotta Ikeda cinema Clara Wieck Schumann Claudio Abbado Convegni diagnosi in psichiatria Discussione sul lavoro clinico Documentazione DSM5 Eduardo Viveiros De Castro Ernesto De Martino Eschilo Fedor Dostoevskij filosofia Formazione alla psicoterapia François Jullien Gilles Deleuze Hannah Arendt Herman Melville identità Il sogno crocevia di mondi Incontri culturali Incontri culturali 2013 incontri culturali 2014 Incontri culturali 2015 incontri culturali 2016 Incontri culturali 2017 Incontri culturali 2018 incontri culturali 2019 Incontri culturali 2020 Jacques Lacan Joseph Conrad Laura Betti Letteratura e psicoanalisi Lettura di testi psicoanalitici Lucrezia Borgia Lucrezio Ludwig Binswanger Margherita Luisa D'Orléans Marin Marais Mario Perniola Mauro Mancia Medea Michel Foucault musica e psicoanalisi narcisismo Nascita della clinica Nikos Kazantzakis Pascal Quignard Paul Celan perversioni Pier Paolo Pasolini poesia Polifonia del femminile Port-Royal psicopatologia Remo Bodei René Char Roberto Beneduce Sabina Spielrein Sainte Colombe Sigmund Freud Simone Weil Socrate sogno Spazio Aperto Supervisione teoria della tecnica terrorismo Testi in linea Thomas H. Odgen transfert trasvestitismo trauma V.E. von Gebsattel W. Blankenburg Walter Benjamin Wilfred Bion

Archivio per mese

Dalla clinica delle perversioni allo “spirito del male”. Seminario

Dalla clinica delle perversioni allo “spirito del male”

Seminario

 

Quale rapporto la modernità intrattiene col problema delle perversioni? È la domanda centrale intorno a cui si sviluppa il lavoro di questo seminario.

A partire dal campo della sessualità, originariamente esplorato da Freud, il concetto di perversione si è indubbiamente esteso e ha finito per comprendere tratti di personalità o modalità relazionali che mettono in causa il narcisismo, l’aggressività primitiva, il potere e il controllo sull’oggetto, la disumanizzazione di sé e degli altri.

A questa estensione del concetto di perversione sul piano della clinica fa eco ogni giorno di più la presenza nella società contemporanea di quelle che sarebbe difficile non definire tematiche perverse. I cambiamenti ideologici, tecnologici e politici in atto sfidano i confini del simbolico. Emergono fenomeni nuovi e inaspettati: forme sintomatologiche inedite, comportamenti sessuali affrancati da ogni limite, un desiderio saturato dal godimento immediato dell’oggetto – sempre accessibile e sempre da rinnovare, una riformulazione dei legami parentali, familiari, sociali.

Forme perverse di relazione, oltrepassando i confini della vita privata, invadono lo spazio collettivo, dal cinema alla pubblicità, dalle performance artistiche alla vita politica, dall’individuo singolo al gruppo. E intanto la violenza sembra non avere più né limiti né confini.

Come rendere conto di tutto questo? Quale analisi è possibile farne? Quali le conseguenze di un simile processo a livello individuale e collettivo?  Gli eventi terroristici che colpiscono il mondo intero e che hanno mandato in frantumi anche le illusorie sicurezze dell’Europa, ci confermano nella necessità e nell’urgenza di portare avanti un percorso di riflessione in questa direzione. Perciò il seminario, sviluppandosi all’interno del sapere psicoanalitico e utilizzando gli strumenti della psicoanalisi, incrocerà il sociale, il politico, l’antropologico e tenterà di offrire modi per “pensare” i problemi che assillano il mondo contemporaneo.

 

Il seminario prevede sei incontri, che si terranno il terzo lunedì del mese secondo il calendario indicato in locandina.

Scarica qui la locandina.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.