Parole chiave

Aby Warburg Adelaide Gigli Antonino Ferro Antonio Gramsci Arte dell'ascolto Attività Attività 2013 Attività 2014 Attività 2015 Attività 2016 Attività 2017 Attività 2018 Attività 2019 Attività 2020 Billie Holiday Buto Carl Gustav Jung Carlotta Ikeda cinema Clara Wieck Schumann Claudio Abbado Convegni diagnosi in psichiatria Discussione sul lavoro clinico Documentazione DSM5 Eduardo Viveiros De Castro Ernesto De Martino Eschilo Fedor Dostoevskij filosofia Formazione alla psicoterapia François Jullien Gilles Deleuze Hannah Arendt Herman Melville identità Il sogno crocevia di mondi Incontri culturali Incontri culturali 2013 incontri culturali 2014 Incontri culturali 2015 incontri culturali 2016 Incontri culturali 2017 Incontri culturali 2018 incontri culturali 2019 Incontri culturali 2020 Jacques Lacan Joseph Conrad Laura Betti Letteratura e psicoanalisi Lettura di testi psicoanalitici Lucrezia Borgia Lucrezio Ludwig Binswanger Margherita Luisa D'Orléans Marin Marais Mario Perniola Mauro Mancia Medea Michel Foucault musica e psicoanalisi narcisismo Nascita della clinica Nikos Kazantzakis Pascal Quignard Paul Celan perversioni Pier Paolo Pasolini poesia Polifonia del femminile Port-Royal psicopatologia Remo Bodei René Char Roberto Beneduce Sabina Spielrein Sainte Colombe Sigmund Freud Simone Weil Socrate sogno Spazio Aperto Supervisione teoria della tecnica terrorismo Testi in linea Thomas H. Odgen transfert trasvestitismo trauma V.E. von Gebsattel W. Blankenburg Walter Benjamin Wilfred Bion

Archivio per mese

L’arte dell’ascolto: Introduzione alla fenomenologia

condotto da Angela Peduto e Mariangela Pierantozzi

Tra l’ 800 e il 900, a partire dalla filosofia di Husserl e Heidegger, si creò un vasto e importante movimento di pensiero che avrebbe influenzato profondamente la psichiatria e la psicoterapia e che è noto come psichiatria fenomenologica.
Nel corso del 900 esso si sviluppò attraverso il lavoro di Jaspers, di Binswanger, di Minkowski, trovando in Italia interpreti di grande spessore come E. Borgna e D. Cargnello.
Pur nelle differenze tra i singoli Autori, uno stesso elemento caratterizza tutto questo movimento: fondandosi sull’ husserliano “andare verso le cose stesse” e sull ‘ heideggeriano “esserci-nel-mondo”, si tratta di avvicinarsi al malato senza pregiudizi e presupposti interpretativi per arrivare a cogliere la sua singolare, soggettiva, esperienza del mondo. Il rifiuto di oggettivare il paziente e di filtrarlo attraverso categorie precostituite, la pratica dell’ osservazione e dell’ ascolto, la volontà della scoperta dell’ altro nella molteplicità e originalità delle sue forme espressive, comprese quelle patologiche, sono i principi fondanti della psichiatria fenomenologica.
I rapporti tra psicoanalisi e fenomenologia sono complessi. Da un lato la fenomenologia respinge il sapere esplicativo in quanto frammenta l’ unità vivente del soggetto inteso come essere-nel-mondo. Essa pretende la pura comprensione. Dall’ altro lato la psicoanalisi non può rinunciare alla sua vocazione esplicativa, anche se la spiegazione psicoanalitica ha quello statuto tutto particolare che le è conferito dalla presenza dell’ inconscio. Tra l’ un progetto e l’ altro non c’ è accordo possibile. Per questo la psicoanalisi sarà contestata come forma di approccio alla sofferenza mentale. Esistono però importanti convergenze:entrambe condividono la convinzione che il soggetto porti con sé un segreto, qualcosa che non appare alla osservazione obbiettiva e lasciano, entrambe, i sintomi nel loro luogo naturale ed originario, nella vita unica ed irripetibile di ogni paziente.
In Italia il grande lavoro di Basaglia a Gorizia porterà , sull’ onda delle rivoluzioni sociali e politiche degli anni 60, alla legge 180 sulla chiusura dei manicomi. Basaglia era un intellettuale formato alla fenomenologia. La sua fu una critica radicale all’ istituzione psichiatrica e ai suoi usi oggettivanti e segreganti.
Introdurre alla fenomenologia è lo scopo di questo breve seminario: 5 incontri in cui dipaneremo un filo che va dai presupposti filosofici (Husserl, Heidegger, Merleau-Ponty) alla clinica dei grandi fenomenologi (Binswanger, Minkowski, Jaspers).
Al di là dei limiti della fenomenologia e del suo scacco quando da filosofia è diventata progetto di cura, pensiamo che l’ esplorazione di queste aree di pensiero resti importante per mantenere viva una pratica dell’ ascolto e dell’attenzione all’ alterità sempre fragile e sempre minacciata : una pratica della soggettività.

Sono previsti cinque incontri:
7 Maggio
4 Giugno

2 Luglio
1 Ottobre
3 Dicembre

Gli incontri si svolgeranno presso la sede della Associazione officinaMentis in Via G.Petroni, 9 – Bologna.
Il costo totale è di 150 euro più la quota d’iscrizione alla associazione per chi non fosse ancora socio (40 euro, 20 per studenti e specializzandi)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.