Parole chiave

Aby Warburg Adelaide Gigli Antonino Ferro Antonio Gramsci Arte dell'ascolto Attività Attività 2013 Attività 2014 Attività 2015 Attività 2016 Attività 2017 Attività 2018 Attività 2019 Attività 2020 Billie Holiday Buto Carl Gustav Jung Carlotta Ikeda cinema Clara Wieck Schumann Claudio Abbado Convegni diagnosi in psichiatria Discussione sul lavoro clinico Documentazione DSM5 Eduardo Viveiros De Castro Ernesto De Martino Eschilo Fedor Dostoevskij filosofia Formazione alla psicoterapia François Jullien Gilles Deleuze Hannah Arendt Herman Melville identità Il sogno crocevia di mondi Incontri culturali Incontri culturali 2013 incontri culturali 2014 Incontri culturali 2015 incontri culturali 2016 Incontri culturali 2017 Incontri culturali 2018 incontri culturali 2019 Incontri culturali 2020 Jacques Lacan Joseph Conrad Laura Betti Letteratura e psicoanalisi Lettura di testi psicoanalitici Lucrezia Borgia Lucrezio Ludwig Binswanger Margherita Luisa D'Orléans Marin Marais Mario Perniola Mauro Mancia Medea Michel Foucault musica e psicoanalisi narcisismo Nascita della clinica Nikos Kazantzakis Pascal Quignard Paul Celan perversioni Pier Paolo Pasolini poesia Polifonia del femminile Port-Royal psicopatologia Remo Bodei René Char Roberto Beneduce Sabina Spielrein Sainte Colombe Sigmund Freud Simone Weil Socrate sogno Spazio Aperto Supervisione teoria della tecnica terrorismo Testi in linea Thomas H. Odgen transfert trasvestitismo trauma V.E. von Gebsattel W. Blankenburg Walter Benjamin Wilfred Bion

Archivio per mese

Gruppo di supervisione 2012

condotto da Mariangela Pierantozzi

Controllo, supervisione, analyse quatrième, ascolto assistito, analisi controllata, sono alcuni dei termini indicanti uno dei momenti cardini della trasmissione psicanalitica. La supervisione esisteva già prima di essere istituzionalizzata. Dalla corrispondenza di Freud sappiamo che quando qualche analista si trovava in difficoltà chiedeva consiglio. Non c’era nulla di sistematico, se non l’abitudine di Freud di fare lunghe passeggiate con coloro che andavano da lui a consulto. Dopo la fondazione dell’Istituto di Berlino (1920) si instaurò la regola del controllo, considerato la condizione necessaria e obbligata della formazione. Conosciamo le problematiche che i regolamenti dei vari istituti internazionali hanno fatto scaturire intorno a questo esercizio che, se eseguito secondo certe rigide modalità, potrebbe deviare in modo gerarchico, autoritario, normativo, ortopedagogico, paternalistico, dalla materia analitica. Invece, nel rispetto della libertà dello psicoanalista e nel riconoscimento del suo inconscio e di quello del suo paziente, essa è la base della formazione continua in psicoanalisi.

 

Sono previsti otto incontri, con un massimo di 8 persone, che si terranno il primo giovedì del mese da febbraio a dicembre 2012, dalle h 21 alle h 23, presso la sede dell’Associazione.

Il costo sarà di Euro 200,00

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.